Definizione delle liti pendenti (artt. 6 e 7 del DL 23.10.2018 n. 119 conv. L. 17.12.2018 n. 136) – Provvedimento attuativo

Invio all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi alle fatture, alle liquidazioni IVA, alle operazioni con l’estero e agli interventi condominiali – Proroghe
Marzo 5, 2019
Il controllo di srl blocca il forfetario
Marzo 12, 2019

Per effetto dell’art. 6 del DL 23.10.2018 n. 119 (c.d. “decreto fiscale collegato alla legge di bilancio 2019”), entrato in vigore il 24.10.2018 e convertito nella L. 17.12.2018 n. 136, è possibile definire in modo agevolato le liti tributarie pendenti in cui è controparte l’Agenzia delle Entrate.

Il requisito per accedere alla definizione consiste nella necessità che il ricorso in Commissione tri­bu­taria provinciale sia stato notificato, al più tardi, entro il 24.10.2018. Inoltre, la lite deve ancora es­sere pendente, anche in Cassazione, nel momento in cui si presenta la domanda di definizione.

In relazione alla definizione delle liti pendenti, il successivo art. 7 del DL 119/2018 prevede specifiche disposizioni riguardanti le associazioni e società spor­tive dilettantistiche, iscritte nel Registro del CONI alla data del 31.12.2017.

Le disposizioni di attuazione della definizione delle liti pendenti sono state stabilite con il provv. A­gen­zia delle Entrate 18.2.2019 n. 39209, che ha anche approvato il modello per presentare la domanda entro il 31.5.2019.

Di seguito si analizza la disciplina degli artt. 6 e 7 del DL 119/2018, alla luce del relativo provvedimento attuativo.

Allegati

File
pdf 11.2019