Definizione delle liti pendenti (artt. 6 e 7 del DL 23.10.2018 n. 119 conv., L. 17.12.2018 n. 136) – Chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Riforma della crisi d’impresa e dell’insolvenza (DLgs. 12.1.2019 n. 14) – Novità in materia di diritto societario immediatamente operative
Marzo 26, 2019
Definizione dei processi verbali di constatazione (art. 1 del DL 23.10.2018 n. 119 conv. L. 17.12.2018 n. 136) – Chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Maggio 9, 2019

Per effetto dell’art. 6 del DL 23.10.2018 n. 119 (c.d. “decreto fiscale collegato alla legge di bilancio 2019”), entrato in vigore il 24.10.2018 e convertito nella L. 17.12.2018 n. 136, è possibile definire in modo agevolato le liti tributarie pendenti in cui è controparte l’Agenzia delle Entrate.

Il requisito per accedere alla definizione consiste nella necessità che il ricorso in Commissione tri­bu­taria provinciale sia stato notificato, al più tardi, entro il 24.10.2018. Inoltre, la lite deve ancora es­sere pendente, anche in Cassazione, nel momento in cui si presenta la domanda di definizione.

In relazione alla definizione delle liti pendenti, il successivo art. 7 del DL 119/2018 prevede specifiche disposizioni riguardanti le associazioni e società spor­tive dilettantistiche, iscritte nel Registro del CONI alla data del 31.12.2017.

Le disposizioni di attuazione della definizione delle liti pendenti sono state stabilite con il provv. A­gen­zia delle Entrate 18.2.2019 n. 39209, che ha anche approvato il modello per presentare la domanda entro il 31.5.2019.

Ulteriori chiarimenti sono stati forniti con la circ. Agenzia delle Entrate 1.4.2019 n. 6.

Di seguito si analizza la disciplina degli artt. 6 e 7 del DL 119/2018, alla luce dei chiarimenti forniti dall’A­genzia delle Entrate.

Allegati

File
pdf 14.2019